Decreti, Normative, Direttive, Percorsi Formativi e Certificazioni delle Competenze BIM.

Il mondo della progettazione e delle costruzioni anche in Italia sta avendo una evoluzione repentina che guarda alle nuove metodologie informatiche all’avanguardia: BIM (Building Information Modeling) attraverso la “parametrizzazione dei modelli 3D digitali e gestione dei dati “.  Il processo è strutturato ed articolato da una serie di metodi, strumenti, normative, atte ad avvicinare studi di progettazione, professionisti, imprese di costruzione, amministratori del settore pubblico, ma anche privato, verso la gestione Digitale dei Processi di Progettazione e di Costruzione nell’Edilizia.

La strutturazione normativa sul BIM in Italia parte già dalle Direttive Europee 2004/18/CE – 2014/24/CE riguardanti una maggiore semplificazione e snellimento delle procedure nell’edilizia, oltre ad un incremento della trasparenza – attraverso modalità digitali di acquisizione e gestione dati degli appalti pubblici, in aggiunta alle procedure tradizionali. Gli Stati membri avevano a suggerimento di richiedere l’uso di strumenti elettronici specifici, quali gli strumenti di simulazione elettronica per le informazioni edilizie o strumenti analoghi”, tra i quali può sicuramente essere ricompreso il sistema BIM.  

Tali direttive vengono recepite in Italia, già nel lontano 2016 con il nuovo Codice degli Appalti Pubblici con la prima nota di riferimento per la progettazione – realizzazione – gestione di Opere pubbliche attraverso strumenti digitali. Successivo Il Decreto Ministeriale 1 dicembre 2017, n. 560 (Decreto Baratono), già in attuazione che stabilisce l’obbligatorietà dal 1 gennaio 2019 per le opere sopra soglia dell’uso di metodi e strumenti BIM. Definita la tabella di Marcia fino all’obbligatorietà da oggi al 2025 per tutte le opere pubbliche.

Le Normative UNI 11337 – Gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni – che stabiliscono gli standard, le procedure, i livelli di dettaglio (LOD) e di informazioni (LOI), i metodi e gli strumenti di condivisione di dati, i metodi di controllo e verifiche dei modelli digitali, La documentazione di gara con CI Capitolati Informativi, OdG Offerta di Gestione Informativa, PdG Piani di Gestione, le competenze e qualifiche delle nuove figure che operano in ambiente BIM: ossia il BIM Specialist (architettura-struttura impianti-infrastrutture) , il BIM Coordinator, il BIM Manager, CDE Manager.  

Figura 1- Le Parti delle Norme UNI 11337 (1,3,4,5,6,7)

Figura 2 – Schema del processo Informativo delle Costruzioni

Figura 3 – Fasi e Documentazioni  di Gare BIM

Figura 4 – LOD A-F di Elemento Architettonico Standard

Figura 5 – Le Figure BIM

Continue evoluzioni ed approfondimenti normativi ereditate già dalle normative internazionali PAS 1192 – sono le EN ISO 19650 che portano oggi ad ampliare ancora di più il campo di riferimento per operare secondo regole precise evolvendo nel settore della progettazione in una maggiore  professionalizzazione di competenze in ambito BIM attraverso percorsi formativi specifici e di certificazione.

Il Centro Studi e Formazione dell’Ordine degli Ingegneri di Messina da Settembre 2019 svolgerà dei Percorsi Formativi professionalizzanti alle Metodologie BIM (Building Information Modeling) attraverso la piattaforma di BIM Authoring Revit Autodesk ® 2019, che permetterà di iniziare un percorso formativo da integrare con parti normative sul BIM e workshop progettuali, dando la possibilità di accedere alla preparazione e all’esame di Certificazione Certificazione BIM Specialist ICMQ – IL Corso Revit verrà svolto da Docenti qualificati ACI e ACP Autodesk ® Professional  – per info: cesf@ordingme.it.

Iscriviti al corso BIM